• privacy
  •  

Discovery Dog

CANE TIMOROSO ?

L'amore della mia vita è Pesca, una simpatica Golden retriver di quattro anni. Ha tantissimi pregi: è decisamente socievole, giocosa, dolcissima e affidabile.
Al contrario caratteristiche come coraggio e temerarietà non fanno parte assolutamente del suo carattere.  

Vero è che se avessi voluto un cane con una tempra più forte avrei scelto un pastore tedesco, come già ho avuto al mio fianco in passato e non certamente una patata come lei, dove questa caratteristica non rientra nemmeno nei minimi sindacali.

La totale mancanza di coraggio ad affrontare gli ostacoli può sembrare, agli occhi di qualcuno, una cosa da poco, e suscitare tenerezza, oppure, in certe situazioni, può risultare addirittura divertente.

In più di un'occasione ho visto sorrisi e risolini e sentito frasi del tipo: "Com'è tenera... così fifona!".

Beh la realtà non è così semplice, né tanto divertente, ed a Pesca ansie e paure non hanno mai portato nulla di buono.

La paura di fronte a situazioni inaspettate, tuoni, scrosci d'acqua violenti, rumori improvvisi, oggetti inanimati che cadono o si muovono scossi dal vento, l'ha sempre portata a stati d'ansia violenti, crisi di panico che spesso hanno rischiato di metterla in situazioni decisamente pericolose per la sua salute. Ancora ho davanti agli occhi quando, ancora cucciola, durante una passeggiata, improvvisamente si è divincolata e sfilata la pettorina, liberandosi dal guinzaglio, ed ha iniziato a correre terrorizzata in mezzo alla strada.

Istintivamente non l'ho rincorsa, anche se avrei tanto voluto farlo, ma mi sono inginocchiata e l'ho richiamata, cercando di non tradire con la voce il panico che avevo anch'io. Subito non ho capito cosa la avesse spaventata, ma il giorno successivo ho capito: un cestino della carta straccia... ai suoi occhi deve essere sembrato proprio pericoloso!

Per un certo periodo sono riuscita a tenere sotto controllo queste situazioni, ma da qualche mese paura e fobie sono ritornate, come affrontarle?

Per prima cosa ho cercato di capirne le motivazioni, fare mente locale e concentrarmi per ricordare quale possa essere stato l'effetto scatenante, se mai c'è stato, di ogni comportamento.

In molti casi non sempre è facilissimo capire il perché di certe paure, a meno che non siano quelle più comuni, come ad esempio lo scoppio di un tuono o i botti di capodanno. Mi sono infatti accorta che il filo di un aspirapolvere tirato sul pavimento può essere per Pesca un ostacolo veramente difficile da affrontare; non parliamo poi dell'entrare in una stanza con un ventilatore a soffitto in funzione: grande rischio!

A volte anche solo oltrepassare una porta semichiusa poteva risultare un'ardua impresa!

Stabilito che la mia piccola pelosa è (ahimè) una fifona, un buon rimedio è stato affrontare la questione da più punti di vista: un approccio "olistico", cioè multimodale!

Una terapia omeopatica mirata l'ha aiutata a rilassarsi e a diminuire il livello di stress con metodi naturali e senza controindicazioni per la sua salute.

In aggiunta a questo è stata indispensabile una rieducazione comportamentale: sto trovando efficace (esperienza privata in corso!) far lavorare (o forse sarebbe meglio dire giocare) Pesca con esercizi di attivazione mentale.

Il clicker nel caso specifico si sta dimostrando un ottimo strumento.

Con questo metodo sta comprendendo che per superare un ostacolo possono esserci più opzioni, ed utilizza tutte le sue risorse mentali per arrivare a capire che è possibile girare attorno ad un tavolo ma che, come alternativa, ci si può anche passare sotto.

Sembra una cosa inutile? Cercare alternative diverse per risolvere un problema è indubbiamente un esercizio sano e la sta aiutando ad aprire la mente: sta imparando ad utilizzare tutte le sue risorse per superare un ostacolo e lascia me speranzosa che, anziché piagnucolare davanti al filo dell'aspirapolvere per terra, provi a cambiare strada per raggiungermi.

Questo fa la differenza fra la dipendenza e l'indipendenza emotiva!

Adesso ti pare ancora poco?

ALESSANDRA CARLINI
EDUCATORE CINOFILO

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Questo sito usa i cookie. Accetta il loro uso. Puoi consultare la pagina privacy per maggiori informazioni in alto a destra del sito To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information