• privacy
  •  

Discovery Dog

VIAGGIARE COL CANE - Quarta parte

Adesso è ora di fare un salto di qualità: accendi il motore! Da domani ti aspettano scorrazzate in macchina a fianco del tuo compagno peloso!

Okay, ci sei: finalmente hai ottenuto che il tuo cane salga e in macchina e resti tranquillo quando chiudi le portiere dell'auto.

Devi fare un salto di qualità: accendi il motore!

Dapprima accendi e spegni subito il motore, poi gradualmente allunga i tempi. Attenzione: MAI tentare di "fregare" il cane: "ti ho messo in macchina, adesso ti chiudo e viaggiamo per due ore infischiandomene di come stai". In questo caso imparerà solo che più sta lontano dall'auto e meglio è.

Mantieni le medesime regole base che hai applicato per arrivare fin qui: POCO e BENE.

Non premiare MAI lo stato d'animo sbagliato, cioè l'agitazione.

Non farti prendere dalla frenesia dell'avere l'obiettivo in vista: procedi a PICCOLI PASSI.

Se il tuo cane dimostra di gestire le emozioni anche con portiere chiuse e motore acceso, è il momento di iniziare a muoversi: prima uno spostamento breve, ad esempio cambia parcheggio, poi un giro dell'isolato e man mano giri sempre più lunghi. Il trucco è fermarsi un attimo prima che il tuo cane inizi ad agitarsi; se superi quel limite avrai perso giorni di lavoro prezioso. Ripeto: vai con i piedi di piombo!

Termina ogni giro in modo positivo: andate al campetto, andate a casa a far la pappa...e se è possibile, cerca di guidare in modo regolare, niente sobbalzi, frenate improvvise, svolte violente...

Siete arrivati, insieme, alla fine del viaggio nella rieducazione alla macchina: ora il tuo cane ha iniziato a considerare l'auto come un posto neutro, ma dove tu, la sua guida, sei felice di stare, gli fai le coccole, gli dai premietti, e che potete usare per andare in posti belli e stare insieme più di quanto non facciate oggi.

E in effetti non era proprio questo che volevi fin dall'inizio?

Senza considerare che questa esperienza vi ha unito sempre di più.

Ma si possono anche prevenire i problemi, non solo aspettare che si verifichino.

Abitua il nuovo arrivato in famiglia a muoversi in auto, con semplici trucchetti:

Primo: non utilizzare l'auto solo per portarlo in luoghi spiacevoli, come il veterinario, il toelettatore o la pensione estiva, oppure assocerà "viaggiare" ad "allontanarsi dalla mia famiglia per arrivare in un luogo triste"

Secondo: abitualo al kennel, per trovarsi comodo in auto e non aver paura del distacco fisico da te, oppure assocerà "stare in auto nel bagagliaio" a "non stare più vicini-vicini con la mia famiglia"

Terzo: conosci qualcuno il cui cane non ha problemi a viaggiare, ma, anzi, si rilassa e si addormenta aspettando di arrivare a destinazione? Anziché invidiarlo ferocemente, sfrutta questa conoscenza per far viaggiare il tuo cane in compagnia di un suo simile che resta tranquillo. Come si dice "un esempio vale più di mille parole", e il tuo allievo, imitando il cane più saggio, imparerà velocemente a non preoccuparsi di qualcosa di inesistente.

Ai primi segnali di disagio intervieni tempestivamente, non aspettare che la tensione cresca e diventi un problema!

SILVIA CATTANI
MEDICO VETERINARIO

Altro in questa categoria: « VIAGGIARE COL CANE - Terza parte

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Questo sito usa i cookie. Accetta il loro uso. Puoi consultare la pagina privacy per maggiori informazioni in alto a destra del sito To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information